Tu sei qui : Homepage > Servizi > S.I.A.N. > Igiene Alimenti > Ispettorato micologico > Intossicazione da funghi

icona convegno 16 ottobre Convegno 16 ottobre 2013, Verona

Sistemi alimentari sostenibili e diseguaglianze in salute. In occasione della giornata mondiale dell'alimentazione, celebrata dalla FAO, l'Azienda Ulss 20 di Verona, in collaborazione con il Comune di Verona, organizza un evento formativo

icona sezione cartoline e poster Cartoline e poster

Materiali a disposizione di genitori e bambini per promuovere giocando il consumo di frutta e verdura

icona epatite A e frutti di bosco Epatite A e frutti di bosco

Aumento dei casi di epatite A. Raccomandazioni per consumatori e operatori industriali e artigianali del settore alimentare

icona newsletter sian Newsletter

Aggiornamenti e novità in ambito di sicurezza alimentare e nutrizionale. Informazione e formazione degli operatori del settore, aggiornamenti

Seguici

S.I.A.N
Servizio Igiene Alimenti Nutrizione

Area Igiene degli Alimenti e Bevande

Funghi - Ispettorato micologico: intossicazione da funghi

Modalità di comparsa, caratteristiche e tipi di funghi responsabili delle sindromi da avvelenamento fungino.

Disturbi sospetti dopo l'ingestione

Se, dopo l'ingestione di funghi, insorgono dei disturbi sospetti quali sindrome gastroenterica e vomito e diarrea, anche dopo 24 ore: recarsi subito in pronto soccorso e portare con sé tutti gli avanzi dei funghi (cotti, crudi, resti di pulizia). Se altre persone hanno consumato gli stessi funghi, contattarli immediatamente e inviarli al pronto soccorso.


Sindromi a breve latenza

I sintomi compaiono da 30 minuti a 6 ore dall'ingestione di funghi tossici e si risolvono in circa 24 ore. Il rischio per la vita è basso.

I sintomi delle sindromi a breve latenza durano dalle 6 alle 24 ore e, se non gravi, regrediscono con il solo uso di farmaci sintomatici.

Sindrome gastrointestinale

È la più frequente. Molti funghi ne possono essere la causa (soprattutto Entoloma lividum, Russula emetica, Boletus satanas, ecc) e i principi attivi responsabili sono molteplici e non sempre noti.

I sintomi compaiono già al termine del pasto o entro 3-4 ore e sono proporzionali alla quantità di funghi ingerita. Il vomito, la diarrea e i dolori addominali regrediscono spontaneamente in 24-48 ore, ma spesso necessitano di una reintegrazione delle perdite idriche.

Sindrome panterinica

È data soprattutto da Amanita muscaria e Amanita pantherina. In rapporto alla quantità di tossine ingerite (acido ibotenico, muscimolo e muscazone) si ha un quadro clinico che va dal capogiro, barcollamento, euforia, tremori, stato confusionale, sino alle crisi convulsive accompagnate da allucinazioni e sopore.

Sindrome muscarinica

È dovuta alla muscarina (isolata dall'Amanita muscaria ma presente in maggior quantità in Clitocybe e Inocybe) ed è caratterizzata da un quadro clinico, che compare 15-60 minuti dopo l'ingestione, con cefalea e dolori addominali, ipersalivazione, intensa sudorazione, lacrimazione, tremori, bradicardia. La terapia prevede, oltre alla decontaminazione gastrica, l'uso di atropina.

Sindrome psicodisleptica

I funghi responsabili della sindrome appartengono ai generi Psilocybe, Panaeolus, Stopharia.

La sintomatologia insorge entro 1 ora dall'ingestione ed è caratterizzata da disturbi della visione, distorsione della percezione dei colori e delle forme, disorientamento, agitazione, aggressività.

Sindrome coprinica

È determinata da una tossina prodotta da Coprinus atramentarius che interagisce con l'etanolo ed è caratterizzata da vasodilatazione cutanea, ipotensione, tachicardia, cefalea. Il trattamento è sintomatico.


Sindromi a lunga latenza

Provocano una più alta incidenza di mortalità e sono intossicazioni che possono manifestarsi con una sindrome tardiva, maggiore alle 6 ore (8-12 ore).

I sintomi inizialmente possono mimare una gastroenterite di tipo influenzale, tanto che il paziente e lo stesso medico curante possono sottovalutare il rischio e l'ospedalizzazione può avvenire tardivamente.

Sindrome falloidea

La tossicità è legata alla presenza di amatotossine. Sono sufficienti 20 g pari anche a un solo cappello per determinare gravi intossicazioni. I sintomi sono caratterizzati da frequenti episodi di vomito e diarrea che portano a disidratazione e squilibri elettrolitici.

L'organo bersaglio è il fegato con il blocco della sintesi delle proteine e conseguente morte cellulare. Il danno può richiedere il trapianto o essere mortale. Tutte le gastroenteriti che compaiono dopo ingestione di funghi, con una latenza superiore alle 6 ore, devono essere trattate il più precocemente possibile con la decontaminazione (lavanda gastrica, carbone a dosi ripetute) e con l'infusione di liquidi, poiché il trattamento è tanto più efficace quanto è precoce.

Sindrome orellanica

È determinata dal genere Cortinarius orellanus e speciosissimus, può non dare manifestazioni gastroenteriche, ma già dopo 36 ore (a volte con intervalli di giorni o settimane), compaiono dolori muscolari, cefalea, brividi, inappetenza, seguiti da riduzione della quantità di urina.

L'evoluzione verso un'insufficienza renale è possibile e spesso irreversibile. Per questo tipo di intossicazione l'unica terapia a disposizione è la dialisi, di supporto durante il periodo di sofferenza renale; nel caso di insufficienza renale irreversibile è previsto il trapianto di rene.

Sindrome gyromitrica

Si caratterizza per la comparsa, dopo ingestioni ripetute e di notevole quantità, di sonnolenza, contratture muscolari, anemia emolitica, danno al fegato e ai reni.


Terapia

Non esiste un antidoto in grado di combattere l'azione tossica dei funghi velenosi, ma è necessario allontanare le tossine dall'organismo il più rapidamente possibile. Il latte non è un antidoto e non bisogna comunque cercare di curarsi da soli, bensì recarsi subito in pronto soccorso.
La terapia consiste in:

  • decontaminazione (lavanda gastrica, carbone in polvere, eventuale purgante);
  • iperidratazione (infusione di liquidi per vena, allo scopo di riequilibrare le perdite di acqua e sali);
  • terapia di supporto.


Risorse

icona della guida alla prevenzione delle intossicazioni da funghiI funghi: guida alla prevenzione delle intossicazioni

Opuscolo per informare il cittadino, il consumatore sui pericoli che specie di funghi tossici, velenosi o mortali possono arrecare. Raccogliere e consumare i funghi sì, ma con cautela e con la richiesta di consulenza micologica presso l'Ispettorato micologico delle ASL.


Risorse di interesse

Ispettorato micologico - privati raccoglitori
Il Servizio di consulenza micologica per il controllo della commestibilità dei funghi epigei spontanei. La raccolta, conservazione, preparazione, consumo dei funghi. False credenze popolari


Riferimenti

Sedi SPISALSede: Palazzo della Sanità

Via Salvo D'Acquisto n. 7, 37122 Verona
e-mail: sian.alimenti@ulss20.verona.it

Front Office: 045 807 50 48 - 045 807 50 77. Fax: 045 807 50 03
e-mail: dip.prevenzione@ulss20.verona.it
Apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00

icona orariRicevimento pubblico tecnici Sian

Il venerdì dalle ore 9,00 alle ore 11,00

icona posta certificataPosta certificata

Indirizzo di posta elettronica certificata: sian.ulss20.verona@pecveneto.it

PersonaleResponsabile


Dott.ssa Linda Chioffi


Personale


Luciano Cannas, Linda Chioffi, Norma De Paoli, Valeria Fantini, Anna Maria Ferreri, Pietro Guarda, Francesca Gudenzi, Patrizia Marrazzo, Donato Martinelli, Pietro Milan, Monica Montoli, Laura Pozzani, Valeria Rebonato, Giovanni Saracino, Luigi Zambaldo