Tu sei qui : Homepage > Servizi > S.P.I.S.A.L > Cittadino e impresa > Argomenti > Emergenza

Stress lavoro correlato: manuale per le aziende anno 2011 Manuale stress lavoro correlato edizione 2011

Il Dipartimento Medicina del Lavoro (DML) dell'INAIL ex ISPESL ha inteso offrire  un "metodo unico integrato" che valorizzi i punti di forza delle esperienze del “Coordinamento Tecnico Interregionale della prevenzione nei luoghi di lavoro”.

Vigilanza anno 2012 - check list sulla gestione aziendale della sicurezza Vigilanza anno 2012 - check list sulla gestione aziendale della sicurezza

Campagna di vigilanza e verifica della gestione per le aziende situate in zone del territorio veronese considerate ad alto indice infortunistico.

D.lgs 81 scadenze e proroghe D.lgs 81 scadenze e proroghe

Calendario delle scadenze e delle proroghe del D.lgs 81.

icona schede rischio per lavorazione in agricoltura Agricoltura: schede di rischio per lavorazione

Dieci schede con i rischi presenti nelle principali lavorazioni agricole. Oltre ad una breve descrizione introduttiva vengono indicati i comportamenti corretti da tenere e quelli da evitare.

Seguici

S.P.I.S.A.L.
Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro

Il cittadino e l'impresa

Emergenza

Organizzazione del pronto soccorso nel luogo di lavoro. Attrezzature minime di primo soccorso che devono essere messe a disposizione dei lavoratori negli ambienti di lavoro e i contenuti minimi della formazione dei lavoratori designati al pronto soccorso aziendale.

Emergenza e gestione primo soccorso

Il D.M. 388/2003 attua quanto indicato dal comma 3 dell'art. 15 del D.lgs.vo 626/94 classifica le aziende in base alle dimensioni ed alla tipologia di rischio indicando le attrezzature minime di primo soccorso che devono essere messe a disposizione dei lavoratori negli ambienti di lavoro e i contenuti minimi della formazione dei lavoratori designati al pronto soccorso aziendale.
Il D.M. costituisce l'utile strumento operativo della legge 626/'94 per la realizzazione del pronto soccorso aziendali.
La figura responsabile dell'organizzazione del pronto soccorso nel luogo di lavoro rimane il datore di lavoro ma va sottolineato il ruolo del medico competente e la necessità di un collegamento tra datore di lavoro e l'Azienda Sanitaria Locale.
L'organizzazione del pronto soccorso è "modulata" sulla base di 3 diverse categorie individuate (gruppi A, B e C). L'appartenenza di un'azienda o di un'unità produttiva ad un gruppo si riflette sulla dotazione minima delle attrezzature, sulla formazione richiesta agli addetti e sulla comunicazione da effettuare al servizio sanitario regionale (SSR).

Approfondimenti

Appartenenza dell'azienda al gruppo A

Modulo per autodichiarare allo SPISAL l'apparenenza dell'azienda al gruppo A

Decreto ministeriale 15 luglio 2003 n. 388

Regolamento recante disposizioni sul pronto soccorso aziendale, in attuazione dell'articolo 15, comma 3, del decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni

Altre risorse

Argomenti di interesse
Approfondimento degli argomenti (agricoltura, amianto, edilizia, gestione emergenze, gas tossici, guida generale alla sicurezza in azienda, impianti distribuzione carburanti, lavoratrici madri, nomina RSPP, nuovi insediamenti, vibrazioni e rumore, vidimazione registro infortuni, rischi da sovraccarico biomeccanico)


Riferimenti

Sedi SPISALPalazzo della Sanità

Via S. D'Acquisto n.7 - Palazzo della Sanità
Tel. 045 - 807 50 22 - 045 807 50 17 / 045 807 50 48 (Front Office) - Fax 045 807 50 13
e-mail: spisal@ulss20.verona.it

Accesso al pubblico SPISAL sede di Verona
Lunedì - Martedì - Mercoledì - Giovedì - Venerdì dalle ore 13,00 alle ore 14,00
Accesso al pubblico Front office del Dipartimento di Prevenzione e segreteria SPISAL Verona: Lunedì - Martedì - Mercoledì - Giovedì - Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00
Accesso al pubblico SPISAL sede di San Bonifacio
Via Sorte n. 68 bis - tel. 045 613 84 58 fax 045 849 09 84: Lunedì - Mercoledì - Venerdì dalle ore 9,00 alle ore 11,00

icona posta certificataPosta certificata

Indirizzo di posta elettronica certificata: prevenzione.ulss20.verona@pecveneto.it
 

Sedi SPISALU.O. Medicina del Lavoro e promozione salute: Ambulatorio

Sede: Via S. D'Acquisto n.7 - Palazzo della Sanità - Verona
e-mail: spisal@ulss20.verona.it
Visite per: ex esposti cancerogeni, idoneità al lavoro.

Accesso al pubblico
Lunedì - Mercoledì - Venerdì
dalle ore 08,00 alle ore 12,00
Informazioni e appuntamenti telefono: 045 807 59 23
N.B. ogni prestazione viene effettuata solo su prenotazione
 

PersonaleResponsabile SPISAL


Dott. Luciano Marchiori - tel. 045 807 50 22
e-mail: luciano.marchiori@ulss20.verona.it

 

PersonaleResponsabile unità operativa vigilanza


Dott.ssa Manuela Peruzzi - tel. 045 807 50 22
e-mail: manuela.peruzzi@ulss20.verona.it

 

PersonaleResponsabile unità operativa medicina del lavoro


Dott. Antonio Zedde - tel. 045 807 59 23
e-mail: antonio.zedde@ulss20.verona.it

 

Personale


Davide Allegri, Patrizia Arcamone, Antonia Ballottin, Remo Bertani, Massimo Bonfanti, Carla Braga, Loredana Brunetti, Marco Campagnari, Katia Dalle Molle, Giovanni De Togni, Antonino Falco, Bruno Ferro, Cristina Fiorini, Ludovica Fusa, Ilaria Gallo, Mario Gobbi, Paolo Gomitolo, Maria Lelli, Luca Leoni, Luciano Marchiori, Pietro Mazzoccoli, Marika Melotti, Maurizio Menegazzi, Manuela Peruzzi, Toniu Radev, Stefano Riello, Andrea Serpelloni, Marco Trotti, Antonio Zedde, Valentina Zen.

Informazioni sulla struttura del Servizio