I bambini e il movimento

I bambini e il movimento

Il movimento è una necessità fisiologica per il bambino e favorisce una armoniosa crescita fisica e mentale

Muoversi nella vita quotidiana fa bene a tutti e ancora di più ai nostri bambini per crescere bene.

Il movimento infatti è fondamentale sia per lo sviluppo fisico che psicologico: favorisce l'agilità, migliora la coordinazione, riduce il rischio di obesità, previene le malattie dell'adulto.

Educa anche ad un buon controllo emotivo, migliora l'autostima, aumenta le capacità di socializzazione e di autonomia, fa divertire: favorisce cioè un benessere completo.

Ecco che muoversi in bicicletta, giocare, camminare, correre può diventare un'attività quotidiana per tutti i bambini, per divertirsi, conoscere il proprio corpo ed entrare in relazione con l'ambiente. Per motivare i bambini al movimento è necessario però un contesto sociale capace di dare significati positivi e il sostegno di persone quali genitori, adulti significativi ecc.

In realtà il movimento, indipendentemente dallo stato di salute, è una necessità fisiologica per qualsiasi bambino, è parte integrante del suo processo di sviluppo, inteso nel senso più ampio del termine.

Il movimento favorisce una crescita corporea armonica, fisica e psicologica, aumenta l'agilità e la forza e di conseguenza migliora l'autostima e il senso di benessere, favorisce l'apprendimento e riduce l'ansia per la prestazione scolastica, favorisce la socializzazione, abitua al rispetto delle regole e previene molte malattie dell'età adulta (ipertensione, ipercolesterolemia, malattie cardiache, obesità, diabete, alcuni tumori), oltre a permettere di sperimentare appieno i vari stimoli sensoriali e di acquisire autonomia, orientamento e identificazione con l'ambiente in cui il bambino vive.

Un bambino attivo diventerà quasi sicuramente un adulto attivo e sano.

  • Nel tempo libero andate in bicicletta insieme, è più divertente! Per un processo imitativo, tipico dell'età evolutiva, il bambino osserva ciò che fa l'adulto e tende a riprodurlo; e poi si trascorre del tempo insieme in un modo salutare per entrambi;
  • Educate il bambino a muoversi fin da piccolo: diventerà per lui uno stile di vita quotidiano che a sua volta trasmetterà ad altri;
  • Fategli fare l'attività motoria che gli piace di più: così aumenta la motivazione e di conseguenza il piacere;
  • Stimolate le sue curiosità, fategli conoscere modi diversi di muoversi: un bambino ha sempre energie per imparare. Rinforzate ed elogiate i comportamenti "giusti": così tenderà a ripeterli nel tempo;
  • Non spingetelo troppo verso l'agonismo: il movimento deve essere uno stile di vita quotidiano, sotto forma di gioco libero, cammino e bicicletta - lo sport è anche importante perché insegna a mettersi alla prova e anche ad ammettere la sconfitta; però è importante non forzare troppo i bambini verso l'agonismo e non riversare su di loro le proprie ambizioni personali;
  • Attenzione alle degenerazioni dell'attività sportiva, ad esempio l'uso sempre più diffuso del doping.

La sedentarietà ai giorni nostri rappresenta uno dei principali determinanti di malattie molto diffuse come l'obesità, il diabete, le patologie cardiovascolari, i tumori.

Particolarmente preoccupante appare il fenomeno nei bambini, nei quali ad esempio il sovrappeso e l'obesità sono in continuo aumento: si calcola che attualmente circa un quarto dei bambini italiani siano in sovrappeso o obesi. Inoltre, insufficienti livelli di attività nel bambino lo predispongono, una volta diventato adulto, a sviluppare le malattie croniche sopra ricordate.

Il numero dei bambini in sovrappeso è in costante aumento in Italia come in tutti i Paesi industrializzati. L'obesità infantile comporta conseguenze importanti: innanzitutto l'aumentato rischio di diabete, ma anche l'incremento della pressione arteriosa (che, contrariamente a quanto comunemente si crede, non risparmia affatto questa fascia d'età) e della patologia ossea ed articolare, oltre che, non ultime, conseguenze psicologiche deleterie, in quanto obesità e sedentarietà influenzano negativamente l'autostima, l'autonomia e la socialità del bambino.

Nonostante ciò, in Italia il 30-40% della popolazione non pratica attività fisica, e tra i bambini la sedentarietà si aggira tra il 15 e il 20% già nella fascia compresa tra i 3 e i 5 anni. Secondo i dati dello studio HBSC, in Veneto il 5% dei ragazzi di 11 anni sono obesi e il 21% in sovrappeso, quindi circa 1 bambino su 4 ha un peso superiore alla norma.

Progetto "Ragazzi in gamba"

Tipologie di attività per raggiungere i livelli raccomandati di attività fisica nelle varie età: bambini, adolescenti, ragazzi della scuola secondaria di secondo grado e oltre

OKkio alla salute - indagine dell'Istituto Superiore di Sanità

L'indagine OKkio alla Salute dell'Istituto Superiore di Sanità mette in evidenza che 1 milione e centomila bambini italiani tra i 6 e gli 11 anni sono sovrappeso o obesi. I bambini fanno poca attività fisica e quasi la metà di loro abusa di Tv e videogiochi. I genitori sembrano sottovalutare il problema: ben 4 su 10 non ritiene che il proprio figlio abbia un peso eccessivo rispetto all'altezza. Dal sito Epicentro.

La promozione della salute nelle scuole. Prevenzione degli incidenti stradali e domestici

È stato pubblicato il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità "Promozione della salute nelle scuole. La prevenzione degli incidenti stradali e domestici". Contiene molte attività pratiche da svolgere in classe. Un capitolo è dedicato alla mobilità sostenibile. Il manuale è costruito come linea guida per la realizzazione di azioni di promozione della salute nella scuola e offre obiettivi di insegnamento per ogni ordine e grado, nonché contenuti e metodi in grado di aiutare gli insegnanti, gli studenti, i genitori e gli altri operatori della salute a programmare e a valutare correttamente gli interventi finalizzati alla prevenzione degli incidenti stradali e domestici.

Mobilità verso le scuole: situazione soddisfacente o possiamo miglorare?

Il 22 settembre 2010 si è tenuto un workshop sul tema "Mobilità verso le scuole", da cui è emersa la necessità di proseguire con le azioni nelle scuole elementari e quella di attivare una comunicazione mirata per le scuole superiori e gli adolescenti; da un questionario somministrato ai presidi è risultato anche che tutti auspicano azioni di formazione sulla mobilità sostenibile

Due volantini sulla promozione dell'attività fisica nei bambini e negli adolescenti

Praticare uno sport regolarmente può aiutarti a diventare più agile, forte e scattante, a rimanere in forma, ma per potenziarne i benefici, muoviti ogni giorno! Per esempio cerca di spostarti spesso a piedi o in bici, usa le scale, sfrutta gli spazi verdi del tuo quartiere!

Risorse

Promozione del cammino e bicicletta nel percorso casa scuola

Promozione del cammino e bicicletta nel percorso casa scuola

Pedibus e altre iniziative per promuovere il cammino e la bicicletta nel percorso casa-scuola. Aumentare la sicurezza sulle strade per favorire spostamenti in piena autonomia

Potrebbe interessare

Sedi

Gli uffici ed i riferimenti per raggiungerci

Direttore

Informazioni sul Direttore del Dipartimento di Prevenzione

Personale

Il personale che lavora presso il Dipartimento di Prevenzione